lunedì 10 dicembre 2012

Teatro Dibattito - Parole per assistere



Irene e Letizia durante la loro performance
A Cornedo Vicentino, il 29 novembre scorso ho avuto il piacere di partecipare ad una serata veramente speciale. Un’occasione unica di formazione che ha per titolo: “Parole per assistere” ed è un esempio di teatro/dibattito.
Ho dato volentieri il mio contributo a questa serata conclusiva di un ciclo di formazione che la Direzione della Casa Tassoni di Cornedo ha voluto per i suoi dipendenti nella consapevolezza di quanto devono cambiare gli strumenti di lavoro nel contesto di generale cambiamento dei bisogni degli anziani.
Stefano Garbin, direttore della struttura, dice: ”abbiamo fatto degli investimenti sulle attrezzature e le modalità di lavoro, ma siamo convinti che la chiave di volta siano le relazioni: cioè la capacità degli operatori di relazionarsi con gli ospiti e i loro famigliari”
Parole per assistere, dunque, è il tema della serata nella quale si sono realizzati momenti di particolare intensità.
Il programma si è svolto con la seguente scansione:
un’apertura dal titolo “Il potere della parola” un monologo del Direttore Garbin. A seguire il primo atto al titolo io..anziano, tu..demente? interpretato da Irene Bruno e Letizia Espanoli. Un intermezzo “Invecchiare: il corpo come metamorfosi” seguito dal secondo atto sempre di Irene e Letizia. Una riflessione sulla Morte.. un altro intermezzo sulla necessità di curare chi cura e l’ultimo atto di Irene e Letizia dal titolo eloquente: “A go sistemà me mama … e adesso..?
Posso dire in tutta sincerità che mi sono divertito nel partecipare a questo spettacolo/dibattito. Sono stato perfettamente a mio agio in un contesto informale ma orientato a sentimenti profondi e fortemente comunicativo. Bisogna continuare su questa strada: il futuro della formazione è appena cominciato!!

domenica 9 dicembre 2012

ANOSS Magazine

La prima pagina del primo numero
Con grande soddisfazione comunichiamo la nascita  del periodico dell'associazione: ANOSS Magazine. Riporta le principali notizie che riguardano l'associazione e tutto ciò che riguarda le professioni sociosanitarie e il welfare con particolare riferimento alle attività assistenziali.Il primo numero uscirà per Natale ed è quasi interamente dedicato alla presentazione del 1°Meeting delle Professioni Sociosanitarie che si terrà a Piacenza il 4 e 5 aprile del 2013. C'è una descrizione degli obiettivi del meeting e la pubblicazione di alcuni abstract dei workshop che si svolgeranno al meeting.
La rivista continuerà nel 2013 e sarà pubblicata con cadenza trimestrale. Nel tempo si arricchirà del contributo dei lettori da cui si attendono notizie, proposte, studi ed esperienze. Saremo molto grati  a chi vorrà inviarle e daremo la massima visibilità a persone e strutture.
La distribuzione avverrà tramite spedizione a 3200 strutture e chi eventualmente non la ricevesse potrà farne richiesta inviando una mail al Direttore renato.dapero@anoss.it 


lunedì 26 novembre 2012

Meeting delle Professioni Sociosanitarie: Partecipate al sondaggio

Meeting delle Professioni Sociosanitarie: Partecipate al sondaggio: Volete una giornata a 20 euro o due giornate di formazione a 30?  Rispondete al sondaggio.  ANDATE SULLA SIDE BAR E CLICCATE. GRAZIE ...

Meeting delle Professioni Sociosanitarie: Partecipate al sondaggio

Meeting delle Professioni Sociosanitarie: Partecipate al sondaggio: Volete una giornata a 20 euro o due giornate di formazione a 30?  Rispondete al sondaggio.  ANDATE SULLA SIDE BAR E CLICCATE. GRAZIE ...

ANOSS - Sez. Emilia-Romagna: ANOSS al Forum sulla non autosufficienza. Il Talk ...

ANOSS - Sez. Emilia-Romagna: ANOSS al Forum sulla non autosufficienza. Il Talk ...: Anna Grosso - Raul Cavalli - Fabio Galli - Enrico Campedelli - Alberto De Santis, - Carlo Hanau Il 15 novembre nell'am...

ANOSS - Sez. Emilia-Romagna: Esiti del sondaggio su spending review e welfare

ANOSS - Sez. Emilia-Romagna: Esiti del sondaggio su spending review e welfare: Ecco l'esito del sondaggio che abbiamo pubblicato qualche tempo fa sul nostro blog. Abbiamo chiesto ai lettori di esprimere un giudizio s...

domenica 25 novembre 2012

Welfare in tempo di crisi. Peso o opportunità?

Questo il titolo di una convegno che si è tenuto ad Arezzo il 23 novembre nel contesto del 7° Forum Risk Management in Sanità.
L'iniziativa è stata promossa dalla fondazione Easy Care con lo scopo di mettere in luce quale ruolo stia assumendo il welfare in un contesto di riduzione della spesa pubblica concomitante al fenomeno di perdita di potere d'acquisto della famiglie. Come è possibile soddisfare bisogni crescenti e che ruoli potranno avere  per quali son le istituzioni pubbliche e private? Il tutto viso anche in ottica europea nel senso, soprattutto, di verificarne  i modelli eventualmente da monitorare.
Interessante la relazione di apertura del Prof. Ugo Ascoli della Rete ESPANET Italia.
Il convegno è stato introdotto da Raul Cavalli (Presidente della fondazione Easy Care) e discusso informa di talk show da Marco Morganti (Banca Prossima), Giorgio Gemelli (Progetto salute Legacoop), Gianni Bottalico (ACLI), Laura Crescentini (AssoPrevidenza), Mirella Ricci (Vice Presidente Provincia di Arezzo): La conduzione del Talk è stata affidata a Renato Dapero (ANOSS)
Durante il convegno sono state presentate le risultanze di un sondaggio condotto sui presenti nella prima giornata. Appena disponibili i dati li presenteremo.

Per ora è possibile prendere visione del Programma svolto
Vai al sito del forum  http://www.forumriskmanagement.it/
 vai al sito di Easy Care  http://www.easy-care.it/





lunedì 12 novembre 2012

domenica 11 novembre 2012

Sondaggio su Spending Review e Welfare

ANOSS - Sez. Emilia-Romagna: Sondaggio su Spending Review e Welfare: Abbiamo pubblicato un sondaggio. Lo scopo è verificare la percezione diffusa sull'influenza di Spendig Review e altri provvedimenti simili ...

NEWS LETTER - 19 Novembre

ANOSS - Sez. Emilia-Romagna: NEWS LETTER - 19 Novembre: Forum sulla non autosufficienza Il  14-15 novembre al Savoia Hotel di Bologna si terrà al quarta edizione del  Forum sulla non autosuffi...

ANOSS Molise: ecco le attività!


Martedì 20 novembre
 l'ANOSS sez. Molise organizza il terzo convegno del ciclo Prendesi cura di...







L'argomento sarà trattato da
Dott. Mino Dentizzi
Dott.ssa Antonella Petrella
Dott. Gaetano Sabatino 
Dott.ssa Letizia Espanoli

Prendersi cura di... chi si prende cura
La partecipazione al convegno è gratuita 
ed i lavori inizieranno dalle ore 15,30 
presso la sala AXA Palladino Company 
via San Lorenzo 170 Campobasso.

SCHEDA DI ISCRIZIONE
PRENDERSI CURA DI…CHI SI PRENDE CURA
la partecipazione è gratuita, per ragioni organizzative è opportuno iscriversi inviando la scheda compilata al  fax 0874311148 o preferibilmente all'indirizzo mail assistenza.elisir@libero.it
cognome
nome
indirizzo
tel

fax
e-mail
ente di appartenenza
Privacy: informativa ai sensi dell'art.13 Lgs193/03e successive modifiche. Le informazioni fornite verranno trattate per finalità amministrative del convegno.                                                   I dati potranno essere utilizzati ai fini di informativa di altri eventi data____________________    accetto__________________________



Mercoledì 21 novembre
la Dott.ssa Letizia Espanoli (educatrice nell'ambito dei servizi socio sanitari, Master Reiki usui e Master reiki komyo, regolarmente iscritta all'albo della Komyo Reiky kai Italia e Reiki karuna certificato) terrà il 





corso di 1°livello di Reiki Komyo 
con  una quota di partecipazione di € 160,00.

Il corso è rivolto ad un numero di 10 partecipanti.
E' gradita l'iscrizione per le attività proposte entro il 18 novembre faxando la scheda di adesione al numero 0874/311148 oppure inviandola via mail a: assistenza.elisir@libero.it.
Il presidente dell'Anoss sez. Molise 
Dott. Mino Dentizzi







giovedì 8 novembre 2012

Spending Review e problemi etici

La corda che si sta spezzando
 è la fiducia degli Italiani

La Spending Review non è un provvedimento isolato emanato per risolvere un problema specifico e isolato dal contesto socioeconomico globale. È in realtà l'indicazione di un clima e di una linea di comportamento teso ad un riequilibrio della spesa, in tutti i settori e quindi anche nel socio-sanitario. Le risorse sono in calo ed è pertanto non solo lecito ma anche necessario chiedersi: che fare?
Alessandro Battistella, Docente Università Cà Foscarti e consulente IRS, con una serie di due articoli analizza e propone qualcosa di interessante su questi temi. Nel primo articolo affronta il problema della qualità che si è progressivamente elevata anche grazie alle norme sull'accreditamento, ma che incontra serie difficoltà di mantenimento.
La domanda chiave è la seguente: "Continuiamo a garantire alti livelli a pochi o accettiamo di abbassare la qualità per servire tutti?"
Ringrazio l'amico Battistella che mi autorizza a diffondere l'articolo, di seguito riportato integralmente, e invito tutti i lettori ad una riflessione sul problema etico che viene posto e che troverà un suo sviluppo nel dibattito che terremo a Bologna al forum sulla no autosufficienza il 15 novembre prossimo al mattino. 



Strutture residenziali per anziani e crisi del welfaren

 di Alessandro Battistella


Il problema
Negli ultimi anni i servizi residenziali per gli anziani sono molto migliorati, in termini qualitativi e  quantitativi: si sono costruite nuove strutture, diminuendo le liste di attesa, e si sono definiti standard logistici e organizzativo-gestionali nettamente superiori ad un tempo. Questo miglioramento è in gran parte dovuto all'introduzione  anche per questa tipologia di strutture, dell’accreditamento istituzionale strumento che ha consentito negli anni di innalzare la qualità delle strutture residenziali, attirando nel contempo investimenti da parte di soggetti privati o del privato sociale.
Con l’arrivo della crisi e il progressivo venir meno della capacità dei Comuni di far fronte al crescente bisogno di servizi assistenziali, tuttavia, questo trend positivo sembra essersi arrestato e si vedono ormai chiaramente i primi segnali di difficoltà. Il surplus di domanda di ricoveri di anziani non autosufficienti, in alcuni contesti, sta velocemente virando verso una difficoltà delle strutture residenziali a coprire i propri posti con continuità, e il crescente costo dei servizi e delle spese per l’adeguamento strutturale delle residenze sta mettendo in seria difficoltà alcune strutture.
Il problema nasce dal fatto che oggi il costo dei servizi e le esigenze degli ospiti sono in continuo aumento, mentre le disponibilità economiche delle famiglie, dei Comuni, delle Asl e delle strutture di ricovero diminuiscono a causa del ridimensionamento degli investimenti dovuto alla crisi economica.
Il progressivo aumento del costo dei servizi dipende in larga misura dall'aumento degli standard gestionali e strutturali,  che hanno obbligato le residenze da un lato a onerosi investimenti per adeguare la struttura logistica e dall'altro a prevedere minutaggi assistenziali crescenti per assicurare un livello di assistenza allineato con le esigenze degli utenti, anche oltre quanto previsto dalla normativa.
Questa situazione induce a riflettere su come le strutture residenziali potranno nel prossimo futuro mantenere alto il livello delle prestazioni erogate e allo stesso tempo mantenere a livelli sostenibili le rette.
Nell'affrontare il tema del futuro delle strutture residenziali per anziani dobbiamo partire dalla consapevolezza che  la crisi economica non solo non è finita,  ma è violenta e sui servizi sociali probabilmente non ha ancora evidenziato tutti i suoi effetti.
Le famiglie italiane hanno in gran parte utilizzato i risparmi accumulati dalle passate generazioni, le pensioni si stanno progressivamente riducendo, lasciando le persone anziane incapaci di far fronte al costo della loro progressiva non autosufficienza, il venir meno delle famiglie allargate espone gli anziani a rischi di indigenza, proprio mentre i Comuni vedono diminuire le risorse impiegabili per la non autosufficienza: tutto questo fa supporre che in un prossimo futuro le risorse per il ricovero degli anziani non autosufficienti potranno risultare insufficienti. Se questo avverrà le soluzioni potranno essere solo due: diminuire la quantità di anziani ricoverati o diminuire il costo del ricovero.
Siamo quindi di fronte ad un sistema di welfare che presto potrebbe porre un problema etico: continuare a garantire alti livelli di qualità ma a pochi utenti, o accettare, contenendo i costi dell’assistenza, di abbassare il livello di qualità per poter consentire  a più persone di usufruire del servizio.
Nei servizi residenziali per anziani gli attuali criteri di accreditamento, già considerati da molti troppo elevati, potrebbero tra non molto porci di fronte a questa scelta ed è quindi preferibile cominciare a riflettere sin da ora sul problema, cercando soluzioni che non incidano né sul livello di qualità dei servizi erogati né sulla possibilità di assistere un adeguato numero di anziani.
COME RISPONDERE ALLA CRISI
Un’organizzazione, per affrontare le incertezze di una crisi come quella che stiamo attualmente vivendo, deve necessariamente fare alcune operazioni: mettersi in sicurezza, ipotizzare possibili scenari futuri, cercare di cambiare il proprio posizionamento nel mercato, modificare anche radicalmente il proprio assetto, ridefinire le proprie priorità.
Sono operazioni complesse, lunghe, che nel caso delle strutture per anziani possono generare conflitti interni e incidere inizialmente sulla qualità delle prestazioni erogate, ma si tratta di scelte necessarie per affrontare la crisi senza farsi travolgere da problemi di fatturato o di costi produttivi, in un momento il cui i sistemi di welfare locale dimostrano tutta la loro fragilità.
·      La messa in sicurezza
Oggi tutto possiamo dire tranne che i servizi per anziani siano in una situazione di equilibrio ed in grado di rispondere alle sfide future. Gli anziani stanno crescendo come numero, come età e, conseguentemente, sta crescendo la presenza di patologie invalidanti; le pensioni, in gran parte dei casi, non assicurano la possibilità di mantenere uno stile di vita sano e appagante, requisito primario della salute; chi oggi lavora non è di norma in grado, nella sostanza, di stipulare assicurazioni integrative e non esistono efficaci programmi di prevenzione sanitaria in grado di limitare in futuro l’incidenza delle patologie dell’invecchiamento.
In altri termini, prima o poi il sistema potrebbe collassare, non garantendo alle persone anziane l’attuale livello di servizi.
Mettere “in sicurezza” il sistema della residenzialità è ovviamente molto complicato, e un primo passaggio essenziale ritengo sia prevedere servizi ben commisurati alle effettive esigenze degli anziani, evitando di spendere più risorse del necessario in servizi ad alto livello assistenziale utilizzati, sovente, anche per chi non ne ha  pienamente bisogno.
E’ quindi necessario, innanzitutto, prevedere un continuum di servizi per anziani che vada dal supporto della non autosufficienza lieve, con servizi mirati e poco costosi finalizzati a mantenere a domicilio la persona, a servizi domiciliari collettivi, come gli alloggi protetti, sino ad arrivare, solo nel caso di non autosufficienza grave, alla RSA. Oggi la rete dei servizi per gli anziani è ancora troppo estremizzata, con servizi domiciliari non in grado da soli di assicurare all'anziano la possibilità di rimanere a casa e strutture residenziali molto orientate ad affrontare non autosufficienze molto gravi; in mezzo c’è ancora molto spazio per pensare a livelli intermedi innovativi.
Le RSA hanno la necessità che il sistemi di welfare in cui operano rimangano in equilibrio, e  possono contribuire a farlo prevedendo loro stesse servizi intermedi che possano supportare gli anziani nel loro processo di invecchiamento. Può apparire paradossale che le RSA, in un momento in cui non tutte le strutture riempiono completamente i loro posti letto, si orientino a potenziare servizi intermedi in grado di alleggerire ulteriormente la domanda di ricovero, ma il sistema va visto nel suo insieme e la crescente mancanza di risorse sia delle famiglie che degli enti locali potrebbe avere effetti molto gravi sulla tenuta delle strutture residenziali in un prossimo futuro.
Meglio, quindi,  un sistema in equilibrio, con diversi livelli di assistenza e strutture residenziali capaci di offrire una pluralità di servizi e di ricovero all'anziano solo quando necessario a costi sostenibili, piuttosto che un sistema portato al collasso per l’incapacità di superare l’attuale rigidità di risposta alle esigenze degli anziani.
·      L’analisi di possibili scenari futuri
Pensare oggi a servizi che possano mantenere in equilibrio i sistemi di welfare locale significa riflettere su quali potranno essere possibili scenari futuri dell’assistenza agli anziani.
Possiamo rifarci agli indici d’invecchiamento della popolazione, che descrivono per i prossimi decenni un paese di persone sempre più anziane secondo una crescita lineare dell’aspettativa di vita, oppure possiamo porci il dubbio che le generazioni figlie degli antibiotici, di diete ipercaloriche, di stili di vita insani  possano avere meno probabilità di raggiungere i livelli di età oggi ipotizzati, ma in ogni caso dobbiamo prender  atto che gli anziani crescono di numero e aumentano le loro aspettative sulla qualità della vita e dei servizi loro dedicati.
Bisogna già oggi cominciare a pensare a un sistema di servizi residenziali commisurato alle pensioni di cui potrà beneficiare chi, con la crisi, è stato estromesso dal mercato del lavoro prima di aver maturato una pensione dignitosa; i servizi presto si rivolgeranno a persone che dopo decenni di contributi volontari non avranno una vera pensione ed avranno dovuto, in molti casi, utilizzare i propri risparmi per mantenere figli che non si sono inseriti in modo soddisfacente nel mercato del lavoro. Non parliamo in questo caso delle nuove generazioni, che non stanno creandosi un futuro pensionistico peraltro ancora molto lontano nel tempo, ma stiamo parlando di persone che andranno in pensione nel prossimo decennio o anche prima.
Bisogna poi essere consapevoli che, introducendo la voucherizzazione dei servizi residenziali, con libertà di scelta dell’anziano e tariffe variabili a seconda della tipologia di servizi erogati, di fatto stiamo predisponendo un sistema di welfare a due livelli, con alcuni anziani in grado di ricevere servizi eccellenti e una gran parte di persone che, pensionate, vivranno ai limiti della sopravvivenza e non potranno che accontentarsi di servizi di minore qualità. In realtà, stando alle stime più pessimistiche, non è neppure certo che il livello di assistenza più basso potrà essere sostenuto da una parte di anziani, e non si sa neppure se la collettività potrà farsi carico di tutte le situazioni di bisogno.
Di fronte a questo scenario, forse pessimistico ma possibile se non ci saranno significative inversioni di rotta, le strutture residenziali dovranno abbastanza presto decidere dove collocarsi: se puntare, cioè, sull'eccellenza a costi sostenibili da pochi, oppure se mantenere livelli di retta sostenibili,  con tutto ciò che ne consegue quanto a presidio degli attuali livelli di qualità del servizio.
·               La modifica del proprio assetto e/o posizionamento
Quello dell’assetto delle strutture residenziali per anziani, e soprattutto delle RSA, è un problema piuttosto serio essenzialmente per due motivi:
1.      la difficoltà a riconvertire una struttura, soprattutto se accreditata con alti livelli di requisiti strutturali e gestionali;
2.      la tendenza a considerare le RSA una risposta al problema dei pazienti ospedalieri post acuti, più o meno anziani, con la conseguenza di alzare ulteriormente il livello di specializzazione delle strutture di ricovero.
Le RSA ”quasi ospedali” si troveranno, rispetto alle altre, maggiormente in difficoltà a seguire possibili cambiamenti di scenario nei sistemi di welfare poiché avranno una struttura fortemente sanitarizzata posta, però, al di fuori del sistema sanitario puro; per loro sarà quindi più difficile perseguire quel continuum assistenziale necessario per mantenere in equilibrio il sistema di welfare oppure rispondere a richieste di servizi di nicchia che il mercato di alta gamma potrebbe avanzare.
D’altra parte un riposizionamento delle strutture sul territorio, finalizzato a prevedere livelli crescenti di assistenza residenziale e semiresidenziale per gli anziani, sembra una strada obbligata.
Alcune residenze sarebbe, già oggi, opportuno si ponessero a livelli diversi di assistenza, rivolgendosi ad anziani con minori esigenze sanitarie. Ovviamente questa non è una scelta che le strutture di ricovero possano fare in autonomia: prevedere livelli diversificati di assistenza è una responsabilità regionale, ma porre il problema e cominciare a delineare possibili scenari futuri compatibili con una drastica diminuzione delle risorse è, invece, una responsabilità di tutti gli operatori del sociale e soprattutto dei loro rappresentanti.
·      La ridefinizione delle priorità
Un altro aspetto molto importante è come ridefinire le proprie priorità. Gran parte delle teorie sulla sopravvivenza delle imprese in un mercato fortemente concorrenziale, come quello che si viene a creare in periodi di crisi, indicano una serie di strategie quasi obbligate: diminuire i costi, specializzarsi, dimostrarsi competitivi nel proprio campo di attività, crescere,  ove possibile assorbire i concorrenti per non essere assorbiti e focalizzarsi sulla soddisfazione degli azionisti.
Per una struttura residenziale questo vorrebbe dire: limitare il costo del personale, la voce di spesa di gran lunga più importante, individuare una specifica tipologia di ospite su cui specializzarsi, aumentare il numero di anziani assistiti e soddisfare la proprietà, ossia metterla in condizione di voler mantenere gli investimenti nonostante la crisi.
E’ evidente come le tradizionali strategie per affrontare una crisi non siano percorribili da una RSA, data la specificità del campo di attività e le logiche che regolano questo particolare mercato.
Contenere i costi del personale non è di fatto possibile: l’accreditamento impone livelli di operatori predefiniti e non comprimibili e nei casi, frequenti,  in cui i minuti di assistenza assicurati agli ospiti sono maggiori del livello minimo previsto dalla Regione, questo dipende da necessità organizzative difficilmente aggirabili senza incidere sulla qualità del servizio. Si può intervenire sui servizi non direttamente finalizzati all’assistenza, esternalizzandoli o gestendoli in rete con altre strutture, per condividere i costi, ma i risparmi ottenibili non sono di norma risolutivi.
Individuare un mercato di nicchia: per una RSA può voler dire solo uscire dal campo dell’accreditamento e rivolgersi al mercato privato, dato che non sono previste strutture che si rivolgano ad un solo tipo di anziano con una specifica problematica sociale o sanitaria.
Aumentare il numero di anziani da assistere per ripartire i costi fissi su un numero maggiore di clienti: impossibile nei fatti per la logica stessa della contrattazione regionale.
Soddisfare la proprietà: questa è forse la strategia più interessante, laddove non si intenda la proprietà come chi possiede la struttura residenziale  ma come la Regione che sovraintende all'intero sistema delle residenze. Non è un mistero che in tutti i contesti esistono residenze meglio posizionate di altre nei confronti dei decisori regionali, e quindi una possibile strategia, per la singola residenza,  potrebbe essere quella di meglio adattarsi alle linee di indirizzo della propria Regione, il che però non significa necessariamente predisporsi ad erogare un servizio migliore.
Se dunque i tradizionali strumenti di management per affrontare le crisi sono inutilizzabili, è giusto chiedersi quale possibile approccio una RSA possa tenere per prepararsi al meglio a un possibile calo di finanziamenti e ad un probabile cambio di scenario.
possibili indirizzi
Le strutture residenziali per anziani, come abbiamo visto, non possono incidere più di tanto sui costi di gestione, sulla organizzazione del servizio e sul mercato cioè sulle principali leve in mano ad un imprenditore per affrontare i momenti di crisi; il loro intervento può incidere solo su due livelli: il posizionamento nella rete dei servizi e la qualità competitiva.
In altri termini possono diversificare la propria offerta, concordando nel tempo, e si tratta di riflessioni di lungo periodo, con la Regione e i Comuni del territorio l’erogazione di nuovi servizi a minor costo dedicati ad anziani con minori livelli di non autosufficienza, e investire nella qualità  del servizio erogato, puntando sul fatto che con l’accreditamento sono le famiglie a scegliere dove ricoverare il congiunto.
Se il primo aspetto dipende dalla capacità delle strutture di far comprendere agli Amministratori  la gravità della situazione e la necessità di rendere più flessibile l’attuale impostazione degli accreditamenti istituzionali, molto gravosi in termini di costi in un momento di carenza di risorse, il secondo può essere direttamente affrontato dalle RSA.
La qualità del servizio come risorsa
L’economista Jacques Attali, in un suo lavoro[1], ha analizzato una serie di principi con cui le imprese possono leggere la crisi e decidere di posizionarsi per affrontarla; il più significativo per chi gestisce una residenza per anziani in un momento di crisi credo sia il primo: “definire dei valori” e sviluppare un alto livello di rispetto verso la propria organizzazione.
Un’impresa di fronte alla crisi deve, tra le altre cose, essere integra, per mantenere i propri prodotti a livello di eccellenza e creare le condizioni per essere fiera di se stessa, affinché anche i suoi dipendenti siano fieri di se stessi.
Questo è uno dei problemi centrali che una struttura residenziale si trova ad affrontare nell'attuale fase di crisi.
L’aumento degli standard gestionali e strutturali nelle strutture di ricovero dovuto all'accreditamento istituzionale è in grado solo in parte di produrre un effettivo miglioramento della qualità del servizio in quanto questo dipende essenzialmente da due altri fattori: la capacità professionale degli operatori e la loro motivazione. I servizi residenziali, infatti, basano la qualità del loro servizio principalmente sul valore delle prestazioni erogate dal personale: cuesto
hi lavora nelle strutture di ricovero per anziani, nel proprio agire quotidiano, fa la differenza, è in grado di umanizzare il servizio o renderlo distaccato, di creare empatia o difficoltà relazionale, senza che ciò possa essere contrastato da nuovi e più stringenti livelli di accreditamento delle strutture.
Parlare di qualità del servizio, quindi, significa soprattutto parlare di questa responsabilità degli operatori e della difficoltà di alcuni di loro a reggere nel tempo il peso di relazioni con gli ospiti gravose in termini di coinvolgimento emotivo e impegno. Significa anche accettare il fatto che la qualità del servizi è nelle mani di personale di norma poco gratificato a livello economico e di carriera, che sopperisce con l’impegno e l’entusiasmo nella relazione personale alle difficoltà di un lavoro che non offre particolari stimoli ed incentivi professionali.
Il problema della tenuta nel tempo dei livelli di qualità del servizio nelle strutture residenziali per gli anziani deve quindi affrontare questa contraddizione: da un lato il continuo crescere dei requisiti strutturali ed organizzativi, con la conseguenza di costi crescenti, e dall’altro la carenza di effettivi stimoli alla crescita professionale degli operatori, anche per la impossibilità, ad oggi, di prevedere significativi incentivi economici.
Per poter sviluppare efficacemente la qualità dei servizi è essenziale investire anche sulla qualità dei processi assistenziali, prestando un’attenzione particolare alla capacità degli operatori di svolgere al meglio i propri compiti e di mantenere con gli ospiti relazioni improntate alla massima empatia.
Questo significa, in termini di sistema di regolazione, passare dall’accreditamento istituzionale di matrice  logistico-gestionale all’accreditamento di eccellenza, strumento di valutazione  e miglioramento della qualità basato sul diretto coinvolgimento degli operatori nella ricerca di una progressivo innalzamento della qualità dei processi assistenziali.
Questa problematica, tuttavia, necessiterebbe di un diverso grado di approfondimento. 


[1] Jacques Attali, “Sopravvivere alle crisi”, Fazi editore, Roma, 2010

mercoledì 7 novembre 2012

Spendig Review e Resilienza



Voglio iniziare questa breve riflessione citando l’affermazione conclusiva della relazione di un esperto che parteciperà al talk show su questi temi al forum sulla non autosufficienza.
È Raffaele Tomba, uomo di pluriennale esperienza nella dirigenza pubblica comunale e regionale e oggi operatore a supporto della Lega delle Autonomie.
La sua esortazione finale è la seguente:

Ora e sempre Resilienza![1]

Forse è irrituale partire dalla fine e l’amico Raffaele mi scuserà ma il fatto è che è proprio in quella esortazione che sta racchiuso tutto il vissuto e la visione prospettica dei servizi pubblici alla persona nel mondo socio sanitario in quest’epoca di risorse in contrazione. Ora e sempre “dobbiamo e dovremo resistere”! Ma vogliamo andare anche oltre nell'interpretazione prospettica  di questa necessità di resilienza: non possiamo aspettarci un miracolo, dobbiamo lottare per costruircelo.
Del resto già il nostro autore citato nel precisare il significato dice: Per resilienza si intende la capacità dell'uomo di affrontare le avversità della vita, di superarle e di uscirne rinforzato e addirittura trasformato positivamente[2]. Adattamento e capacità di rinnovamento, questo è il messaggio e l’invito forte a tutte le categoria professionali che operano nel nostro settore.
Ma vediamo un po’ puntualmente in cosa ci costringe il provvedimento che porta il titolo di “Disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini”
Il  decreto legge sulla spending review già convertito in legge contiene:

  • *      Riduzione della spesa per il personale con contrazione della dotazione organica del 10% dei  dirigenti e del 20% degli altri impiegati pubblici con elementi peggiorativi quindi sulla già difficile situazione precedente con vincoli alle assunzioni e limitazione delle spese per consulenze e formazione
  • *      Riduzione della spesa sanitaria, governo della spesa farmaceutica e riduzione dei posti letto. C’è un taglio importante dei trasferimenti alle Regioni, la questione dei farmaci equivalenti e la riduzione, stimata, di 7.000 posti letto.[3] Nonché la riorganizzazione dei servizi distrettuali e delle cure primarie, per assicurare l’assistenza 24 h
  • *      Soppressione o riduzione di Aziende, enti e altri organismi che esercitano funzioni istituzionali che però non si applica alle aziende speciali,  agli  enti  ed  alle  istituzioni  che gestiscono servizi socio-assistenziali, educativi e culturali;
  • *      Divieto agli enti locali di istituire enti,  agenzie  e organismi che esercitino una o più funzioni fondamentali e funzioni amministrative.
 A questo punto la domanda che ci si pone è se con questi provvedimenti sia davvero possibile assicurare invarianza dei servizi ai cittadini.

La risposta è sicuramente NO!

Perché la scelta base è quella di una generica riduzione delle risorse destinate al settore.
Nessuno è avvantaggiato dalle scelte operate dal Governo e nessuno potrà gestire i servizi allo stesso livello quali-quantitativo del recente passato.
Forse ci vuole una riforma istituzionale complessiva che potrà ridare una speranza rispetto all’appropriatezza dell’intervento, forse ci vuole molto tempo e investimenti adeguati. Forse avremmo bisogno di nuove infrastrutture più efficienti e di sicuro avremo bisogno di comprendere che l’infrastruttura è più importante che richiede più urgentemente una grandiosa opera ricostruttiva è la nostra coltura socio-economica e politica.
Dunque ha ragione il nostro esperto ?
Certo che ha ragione:
Resilienza sempre!

Noi non ci fermeremo e per iniziare un bel dibattito insieme iscrivetevi al forum sulla non autosufficienza a Bologna.  Il 15 novembre nell'ambito del forum ci sarà un workshop dl titolo Spending Review: che c’entri tu? Iscrivetevi e partecipate: più siamo e più idee circoleranno. Avvicinatevi a questo sportello di speranza: non abbiamo niente da regalare, se non un po’ di fiducia in noi stessi e nelle nostre capacità di resistenza e trasformazione!!

Renato Dapero
ANOSS



[1] Sabatini Coletti - Dizionario della Lingua Italiana: RESILIENZA= Capacità di un materiale di resistere agli urti senza spezzarsi
[2] Sapere.it – Neologismi RESILIENZA Il termine deriva dal latino resilire che significa “saltare indietro, rimbalzare” e i suoi significati oggi sono molteplici. In informatica, ad esempio, si tratta della capacità di un sistema di adattarsi all’usura per garantire il funzionamento dei servizi pattuiti, oppure la flessibilità necessaria per assumere nuovi comportamenti se quelli precedenti non sono adatti allo scopo. In psicologia, invece, la resilienza è la capacità umana di adattarsi alle cose belle o brutte che la vita offre. Il vocabolo è stato usato di recente anche in geriatria, riferendosi a quegli anziani gravemente malati che però rispondono alle cure tradizionali in modo assolutamente positivo e inaspettato.
[3]Adnkronos Salute - Giuseppe Del Barone  - Presidente di SMI Sindacato Medici Italiani ha dichiarato alla stampa "Altro che revisione della spesa, qui ci troviamo di fronte a un omicidio, quello del sistema sanitario pubblico che è stato definitivamente ucciso. Ad andare stretti sono i tagli alle Regioni, l'aumento dell'Irpef, la questione dei farmaci generici sulle ricette e l'aumento delle tasse universitarie. Ci hanno letteralmente messi in ginocchio. Il nostro sistema non può sopportare dei tagli così netti e in così poco tempo, rischiamo seriamente di implodere con conseguenze che in questo momento non possiamo neanche immaginare".

domenica 14 ottobre 2012

Spending Review. Cosa c'entri tu?


Si sta ultimando la preparazione del Talk Show che ANOSS presenterà a Bologna il 15 novembre nella prestigiosa cornice del "Forum sulla non autosufficienza" organizzato dalla Maggioli.
Il tema prescelto è la "Spendig Review"  per il fatto che il problema delle risorse economiche destinate al welfare, in generale e all'assistenza socio-sanitaria in particolare, sono in via di contrazione già da tempo con conseguenze sulla qualità dei servizi oltre che sul mantenimento di un corretto rapporto tra domanda espressa e quantità offerta ad un prezzo congruo e sostenibile dai cittadini.
La Spendig Review è l'ultimo atto e, come già si è detto, sembra quasi che non ci siano più parole in  lingua italiana per definire tagli e appesantimenti sulle funzioni e sui servizi pubblici in Italia. Se poi pensiamo agli ultimi fatti delle cronache parlamentari e dei consigli regionali, ce n'è abbastanza da farsi venire i brividi!

Leggi tutto, clicca su  ANOSS Magazine

martedì 2 ottobre 2012

Spending Review. Cosa c'entri tu?

Si sta ultimando la preparazione del Talk Show che ANOSS presenterà a Bologna il 15 novembre nella prestigiosa cornice del "Forum sulla non autosufficienza" organizzato dalla Maggioli. 
Il tema prescelto è la "Spendig Review"  per il fatto che il problema delle risorse economiche destinate al welfare, in generale e all'assistenza sociosanitaria in particolare, sono in via di contrazione già da tempo con conseguenze sulla qualità dei servizi oltre che sul mantenimento di un corretto rapporto tra domanda espressa e quantità offerta ad un prezzo congruo e sostenibile dai cittadini.
La Spendig Review è l'ultimo atto e, come già si è detto, sembra quasi che non ci siano più parole in  lingua italiana per definire tagli e appesantimenti sulle funzioni e sui servizi pubblici in Italia. Se poi pensiamo agli ultimi fatti delle cronache parlamentari e dei consigli regionali, ce n'è abbastanza da farsi venire i brividi!

Spending Review - Cosa c'entri tu? Abbiamo dato questo titolo provocatorio non solo per l'assonanza tra le parole che sarebbe un semplice espediente comunicativo, ma per una ragione di contenuti. Con questa domanda ci rivolgiamo agli operatori del nostro settore: cosa c’entri tu? Ovvero: che colpa ne hai? Hai sbagliato qualcosa? Paghi per colpe di altri? E poi, hai capito in che misura ti costa questa revisione della spesa? Sono chiari e coerenti i comportamenti degli altri attori? E adesso: che fare?

Il decreto della spendig review per la verità non esercita una particolare specifica e diretta pressione sul settore del sociosanitario ma gli effetti delle azioni complessive incidono gravemente sul welfare. La riduzione del personale degli enti pubblici, ad esempio,  forse è un fatto necessario, anche se alla lunga ridurre i posti di lavoro non è una grande idea. Non sarebbe meglio applicare un'altra teoria? Per esempio si potrebbe cercare il miglioramento continuo andando a caccia degli sprechi; nel sistema pubblico, come in tutti gli altri sistemi produttivi, ci sono inefficienze e sprechi causati dall'eccesso di personale, è vero. Se si razionalizza una produzione si crea un eccesso di personale, ma se questo personale viene licenziato si creano due effetti negativi. Nessuno avrà più voglia di impegnarsi per un miglioramento continuo che si risolve in un'auto-castrazione e poi, non trovando più lavoro, diventano un ulteriore problema di appesantimento del welfare. Più che di riduzione di personale si dovrebbe parlare di reimpiego produttivo del personale in eccesso, forse è una sfida difficile, forse non offre soluzioni a breve, ma siamo sicuri che le soluzioni drastiche diano gli effetti sperati? Non succederà, invece, che ai vari livelli della amministrazioni si comincerà a "far melina" protraendo all'infinito le decisioni? 
Anche  i provvedimenti sulla sanità arrivano a produrre importanti conseguenze sul settore dei nostri servizi. Ci saranno meno fondi per acquisto di dispositivi medici, verranno fissate nuove tariffe massime per quanto concerne l'assistenza ospedaliera e ambulatoriale che le Regioni pagano alle strutture accreditate pubbliche e private con riduzione della spesa annuale  delle prestazioni fornite da privati accreditati.
Ma soprattutto meno posti letto
Lo standard passa da 4 a 3,7 posti per 1000 abitanti, compresi 0,7 posti letto per riabilitazione  e la lungodegenza post-acuzie. Dove finirà tutta quell'utenza che non troverà più posto?? Bisognerà forse studiare qualcosa di nuovo???
Spendig Review - cosa c'entri tu? Niente, forse, ma di certo ti troverai ad affrontare qualche nuovo problema. Parliamone e cerchiamo di preparaci!! 






0

lunedì 10 settembre 2012

Pubblicato il numero di settembre di ANOSS Magazine

Copertina del Magazine
Pubblicato il numero di settembre di ANOSS Magazine on line.  Clic qui per  il Magazine.
Riprendiamo la pubblicazione del Magazine per il quale avevamo fatto una sperimentazione due anni fa. 
Lo scopo è quello di presentare notizie riguardanti l'associazione ma anche  approfondimenti tecnico-scientifici e presentare esperienze e buone pratiche. Presto sarà accompagnato dall'edizione stampata con l'obiettivo di raggiungere il maggior numero di professionisti, delle varie categorie, operanti nel settore sociosanitario. 
Questo primo numero ha come principale contenuto la presentazione del 1° Meeting delle Professioni Sociosanitarie che ANOSS organizza per la primavera prossima; precisamente il 4 e 5 aprile a PIACENZA Expo.

mercoledì 1 agosto 2012

ANOSS -Speciale Marche

Pubblichiamo l'ordine del giorno approvato dal Consiglio di Gruppo Solidarietà  riguardante un appello sottoscritto da 44 organizzazioni tra cui ANOSS.  la regolamentazione dei servizi sociosanitari e l'applicazione dei Livelli Essenziali Sociosanitari nelle Marche.
La premessa è che la Regione Marche non ha dato applicazione sistematica alla normativa nazionale in materia di Livelli Essenziali di Assistenza per le prestazioni sociosanitarie con gravi conseguenze sui servizi.
Per vedere Ordine del Giorno e Appello  clicca su "Gruppo Solidarietà"

Forum sulla non autosufficienza - Bologna 14 e 15 ...

ANOSS - Sez. Emilia-Romagna: Forum sulla non autosufficienza - Bologna 14 e 15 ...: Anche quest'anno ANOSS prende parte al Forum con una produzione che ormai è diventata un "must" della nostra associazione. Faremo un Talk ...

Il corso su "Middle Management"- Seconda edizione...


Clicca sul link: ANOSS - Sez. Emilia-Romagna: Il corso su "Middle Management"- Seconda edizione...
Visti i buoni risultati ottenuti col primo corso di alta formazione dedicato al “Middle Management nei servizi alla persona” l’associazi...

martedì 31 luglio 2012

ANOSS propone il 1° corso di "Yoga della risata"



Letizia Espanoli-Yoga della risata

ANOSS sezione Emilia Romagna organizza il training di certificazione internazionale per diventare Leader di Yoga della Risata in ambito socio sanitario.




Sede del corso: 
Reggio Emilia 
via Antonio Gramsci n°54/s. 

DATA:  18, 19 e 20 ottobre 
orari: 
Giovedì 18 e venerdì 19   ore 9 - 13 - pausa pranzo - 14 - 17
Sabato  20 ottobre           ore 9 - 15,30  con 1/2 h di pausa  


Il training, che prevede a fine corso il rilascio della qualifica di Leader di Yoga della Risata riconosciuto in tutto il mondo, sarà condotto da Ann-Marie Kjellander insegnante di Yoga della Risata e da Letizia Espanoli, libera professionista in area socio sanitaria educativa (formatrice e consulenza, esperta di residenzialità alla terza età)

Tutti possono trarre benefici praticando lo Yoga della risata, aggiungendo più allegria, leggerezza e positività alla propria vita. Upipa Trento (associazione che raggruppa le APSP del Trentino) ha organizzato il primo training. Oggi numerose rsa applicano questa disciplina con enormi benefici sul piano della socializzazione e benessere delle persone residenti. 

Durante il corso i partecipanti impareranno come guidare uno stretching di base, tecniche di respirazione, esercizi per stimolare la risata e consigli per migliorare il proprio grounding e indicazioni per sostenere la propria consapevolezza.

Alla fine del workshop i partecipanti potranno condurre sessioni di Yoga della Risata, aprire un club della risata, proporre questa disciplina nel mondo del lavoro e apprendere le basi per creare i propri workshop ed eventi.

COME SARA’ ARTICOLATO IL WORKSHOP?
Durante il workshop verranno mostrate e insegnate:

·         tecniche per stimolare la risata;
·         tecniche di respirazione e rilassamento dello Yoga;
·         tecniche di risata per rimuovere le inibizioni ed acquisire più stima di sé;
·         meditazione della risata;
·         tecniche di Grounding e radicamento;
·         linee guida per dare inizio e gestire un Club della risata;
·         linee guida per lo YDR come professione: marketing, promozione, presentazione, consigli, spunti.

Nell'ultima giornata invece saranno presentate le linee guida per la stesura di un progetto educativo, gli outcomes gerontologici misurabili (saranno fornite ai partecipanti numerose scale validate).
Al termine del Workshop verrà rilasciato il Certificato Internazionale di Laughter Yoga Leader riconosciuto dalla Kataria School Of Laughter Yoga© e riconosciuto in tutto il mondo e il manuale ufficiale di Yoga della Risata.

Costi
€ 250 prezzo del workshop (più Iva se dovuta )
€ 120 prezzo per chi è già leader di Yoga della Risata e vuole ripetere il training (più Iva se dovuta ) 

Per iscrizioni e informazioni:
Renato Dapero
338.4275131
Inviare mail di conferma di partecipazione insieme al Cro dell'avvenuto bonifico a renato.dapero@anoss.it

http://www.letiziaespanoli.com/
www.facebook.com/letizia.espanoli

Il versamento dovrà essere effettuato sul conto corrente intestato a ANOSS SEZ. EMILIA ROMAGNA, 
IBAN IT30B0316501600000011519714 con causale "Nome e Cognome - corso yoga della risata"
 
Anoss emetterà fattura per i partecipanti.